Montecucco Sangiovese Terre dei Bocci 2000

Degustatore: laVINIum Valutazione: @@@
Data degustazione: 08/2004


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: sangiovese
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: PERAZZETA – Azienda Agricola di Alessandro Bocci
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Gli assaggi effettuati delle ultime quattro annate di vini rossi della zona di Montecucco, ci hanno più volte dimostrato (salvo rare eccezioni) che la 2001 è forse quella con le caratteristiche migliori (grande equilibrio, ottima struttura, rare note vegetali e perfetta espressione di frutto, mai surmaturo), seguita da 2003 (in alcuni casi il caldo ha vinto sulla freschezza, proponendo vini fin troppo pronti), 2000 (abbastanza equilibrata ma con minore personalità ed eleganza) e 2002 (un po’ debole, maturazioni irregolari, anche a scapito dei tannini). Tenendo conto della premessa, il Terre dei Bocci 2000, proprio in considerazione dei limiti dell’annata, si è comportato egregiamente. Mostra un colore rubino-granato di media concentrazione. Portandolo al naso si avverte una buona materia prima, anche se meno coinvolgente della versione 2001; alle note di frutti di bosco in confettura (ribes e mora soprattutto), si accostano sfumature tostate, qualche percezione smaltata, pepe, rabarbaro. In bocca ha buon corpo, tannino fine e appena astringente, un’alcolicità pungente e non ancora in sintonia con la materia fruttata, pur generosa. Il finale si apre a una nota sapida e prolungata, che ne conferma la buona qualità.

RECENTI

  • Masseria Cacciagalli 2012

    Masseria Cacciagalli 2012

  • Mille 2015

    Mille 2015

  • Sphaeranera 2015

    Sphaeranera 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani