LA VIGNA DEI CACCIA

Indirizzo: Frazione San Lorenzo – 15076, Ovada(AL)
Telefono: +39 349 5547880
Fax:
WWW: www.lavignadeicaccia.com
Email: pietro@lavignadeicaccia.com


laVINIum – 06/2016
Qualcuno ricorderà certamente Pino Ratto, personaggio schivo, un vero vignaiolo, scomparso il 13 novembre 2014, il suo dolcetto è stato sicuramente uno dei più affascinanti dell’Ovadese, certamente unico, tanto diretto quanto severo, profondo, espressione di una testa, di una mano e di un territorio inimitabili. Due Dolcetto, uno da Gli Scarsi e l’altro da Le Olive, nei suoi vini la musica, assolutamente jazz, quello che aveva sempre suonato, il ritmo e il tempo che nel suo caso era lento, slow, il suo dolcetto poteva invecchiare 20 anni senza paura.
Le Olive, quel vigneto che ha fatto grande il suo vino e che, dopo la sua morte, ha rischiato l’abbandono, poteva scomparire insieme a Pino, al suo jazz, ai suoi vini ormai introvabili, per fortuna non è andata così.
Pietro Caccia Dominioni, milanese di una storica famiglia da sempre dedita all’architettura, al design e al collezionismo d’arte, conosceva Pino e conosceva quella vigna di un ettaro e mezzo sulla collina di San Lorenzo, negli ultimi anni Pino l’aveva trascurata, la salute sempre più precaria non gli permetteva più di dedicarsi ad essa come avrebbe voluto. Per salvarla dall’abbandono Pietro ha stretto una collaborazione con Annalysa Rossi Contini, che da Ratto ha imparato molto e dal 1989 produce dolcetto proprio in quest’area dell’Ovadese, un’esperta, con la quale è riusciuto a ricuperare la vigna e a riprendere la produzione del Dolcetto di Ovada Le Olive, poche bottiglie che di anno in anno cresceranno. La prima annata prodotta è del 2013, un migliaio di bottiglie più 100 magnum, a cui è seguita la 2014 con 1300 bottiglie e 50 magnum.
Questo cru è caratterizzato da un terreno composto dalle marne di Céssole denominate “terra bianca”, che danno al vino un’evidente impronta minerale; le viti sono allevate a guyot con una fittezza di 6500 ceppi/Ha e hanno un’età media di 40 anni. La fermentazione si svolge in acciaio, così come la maturazione, che dura almeno un anno.
Con piacere vi raccontiamo queste due prime annate, di cui, ne siamo certi, Pino andrebbe orgoglioso.


Vini degustatiAnnataPrezzoVoto
Dolcetto di Ovada Le Olive2013da 10 a 15 euro@@@@@
Dolcetto di Ovada Le Olive2014da 10 a 15 euro@@@@

RECENTI

  • Bianco del Mulino 2016

    Bianco del Mulino 2016

  • Pachàr 2016

    Pachàr 2016

  • FATTORIA LAVACCHIO – Agricola Lavacchio

    FATTORIA LAVACCHIO – Agricola Lavacchio

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani