La Stipula Rosé Brut Metodo Classico 2006

notaio_stipulaDegustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@
Data degustazione: 12/2009


Tipologia: Vdt rosato spumante
Vitigni: aglianico
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: CANTINE DEL NOTAIO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


Non si può certo dire che Gerardo Giuratrabocchetti sia uomo che si accontenta dei propri successi, in soli 11 anni è riuscito a diventare un punto di riferimento nel Vulture, soprattutto nell’area di Rionero. I nomi dei suoi vini sono caratterizzati da termini che richiamano il suo mestiere di notaio, la storia della sua giovane azienda ha visto subito l’ingresso di Luigi Moio, l’uomo che ha contribuito in modo determinante a tutta la produzione aziendale. Si è partiti con i rossi La Firma e Il Repertorio, poi affiancati da un rosato (Il Rogito) e da un bianco dolce (L’Autentica); successivamente sono arrivati altri due rossi: L’Atto e Il Sigillo, tutti sempre ottenuti da sole uve aglianico. Non appagati dai risultati già ottenuti, Gerardo e Luigi hanno aperto le porte a La Stipula, un interessante spumante metodo classico da sole uve aglianico, di cui vi avevamo presentato l’annata 2004, sua prima uscita. Infine, non poteva mancare la produzione dei vini bianchi, ultima e recentissima esperienza: Il Preliminare e La Raccolta, di cui vi parleremo a breve. La Stipula è il frutto di una brevissima macerazione delle uve per estrarne colore e aromi, la maturazione avviene in barriques di secondo passaggio per circa otto mesi per poi seguire il processo di rifermentazione in bottiglia per 18 mesi, conservato in grotte naturali di tufo vulcanico. Pur non potendo godere della Doc, che non prevede questa versione, il vino è prodotto esclusivamente con le uve dell’anno di raccolta, pertanto porta in etichetta l’annata. La versione 2006 presenta un bel colore rosa-granato di notevole brillantezza, mentre il bouquet è ben giocato su note di piccoli frutti quali ribes e ciliegia bianca, corbezzolo, cenni speziati e minerali. Al palato il vitigno marca profondamente il territorio, con le sue note decise e maschili, spinto dall’acidità carbonica e appena smussato dalla trama fruttata, a tratti agrumata di pompelmo rosa. Il finale annuncia una sapidità corroborante e una buona persistenza. Sempre prossimo alle quattro chiocciole.

RECENTI

  • Esperides Syrah 2016

    Esperides Syrah 2016

  • Sicilia Nero d’Avola – Syrah 2013

    Sicilia Nero d’Avola – Syrah 2013

  • Sicilia Esperides Nero d’Avola 2017

    Sicilia Esperides Nero d’Avola 2017

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani