Gratius 2003

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 05/2008


Tipologia: IGT Rosso
Vitigni: sangiovese
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: IL MOLINO DI GRACE
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 25 a 50 euro


Ha un colore rubino cupo e concentrato con pennellate violacee. Questo è a mio avviso il vino che dimostra senza possibilità di dubbio il diverso lignaggio rispetto al Margone. L’annata è la stessa ma con risultati assai diversi, le radici molto più profonde e una esposizione probabilmente ancora migliore hanno permesso a questo millesimo di figurare nettamente migliore. La cosa che stupisce è come, nonostante la notevole concentrazione di colore, il Gratius non abbia assolutamente perso la sua eleganza, tenendo lontano da sé qualsiasi scivolo verso appesantimenti e opulenze che non gli appartengono. Ovviamente maturo al naso, con note di piccoli frutti ricchi di polpa matura, sfumature di pepe (quello c’è praticamente sempre), cannella, cardamomo, bastoncino di vaniglia ma tutto con uno slancio di freschezza insperata per un’annata calda come questa. In bocca non si smentisce proponendo una bella acidità, un tannino più fine e ben amalgamato, un frutto a tratti ancora croccante, succoso, una persistenza notevole, tutti elementi che ne fanno un vino ancora capace di evolvere senza rischio di cedimenti. Quattro chiocciole alte.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani