GAGLIASSO – Azienda Agricola Gagliasso Mario

Indirizzo: Borgata Torriglione, 7 – 12064, La Morra(CN)
Telefono: +39 017350180
Fax: +39 017350180
WWW: www.gagliassovini.it
Email: gagliasso@lamorra.it


laVINIum – 09/2007
Borgata Torriglione. E’ molto facile arrivarci, basta percorrere la superstrada da Alba verso Barolo, seguire le indicazioni per La Morra e per la frazione Annunziata. Lungo la strada che sale dolcemente verso il paese, si incontra sulla sinistra l’azienda vinicola Aurelio Settimo (che merita assolutamente una visita) e, proprio al termine della curva, si svolta a sinistra per una stradina sterrata che si addentra nella borgata Torriglione, dove si trova l’azienda Gagliasso.
L’agriturismo è ben visibile, grazie al colore acceso che spicca in mezzo alle vigne. Mario Gagliasso, il figlio Luca e l’enologo Sergio Molino lavorano alacremente in vigna e cantina, mentre la moglie Luciana e la figlia Nicoletta portano avanti l’agriturismo. Non capita tutti i giorni di trovare un’azienda in grado di offrire vini eccellenti e una cucina esemplare, di quelle che mandano in vibrazione tutti i sensi tanto che, se non fosse per una profonda consapevolezza dei miei limiti canori, avrei potuto intonare d’emblée un inno alla cucina di Langa. Credetemi, di ristoranti ne ho conosciuti parecchi, ma Luciana è riuscita a stupirmi per la sensibilità e il gusto con cui prepara le sue ricette; ricordo ancora quello straordinario flan di peperoni di Carmagnola con bagna cauda (preparata più “estiva”, con porri di Cervere e finocchi) e quei fantastici tajarin, perfettamente al dente, per non parlare della lingua con bagnet verd. Aggiungiamo che un pasto completo (antipasto, primo, secondo, dessert, acqua e Dolcetto o Barbera) viene a costare meno di 30 euro ed ecco che una puntata a pranzo o a cena dalla famiglia Gagliasso diventa inevitabile.
Luca, come tutti i giovani ama sperimentare, anche se è ben consapevole dello straordinario patrimonio viticolo che ha a disposizione: un ettaro di vigna del cru Rocche dell’Annunziata (dal quale vengono prodotte circa 9000 bottiglie di Barolo con il nome del cru) e 3,2 ettari del Torriglione (4000 bottiglie di Barolo Torriglione, 2000 di Langhe Chardonnay e 2500 di Langhe Chardonnay Utinot), nel comune di La Morra, quasi 3 ettari di una vigna denominata Ciabot Rus (da cui provengono 3000 bottiglie di Barbera e 8000 di Dolcetto, oltre al Langhe Nebbiolo, tutti con il nome della vigna in etichetta) a Novello, un altro ettaro suddiviso tra La Morra e Monforte per la produzione della Barbera base (circa 15mila bottiglie). A questi si va ad aggiungere dall’annata 2003 il Langhe Rosso Turrion, un blend di nebbiolo e barbera in parti uguali.
Luca è molto attento ai segnali del mercato, ritiene sia comunque importante disporre di una clientela
differenziata, che è l’unico modo per garantirsi vendite ad ampio spettro, fare in modo, insomma, di ridurre al massimo il rischio di spiacevoli giacenze in cantina. D’altronde per amare e comprendere vini come il Barolo Torriglione bisogna essere in qualche modo preparati, non basta acquistare la bottiglia e berla, è necessario andare a vedere la vigna, assaggiare gli acini maturi del nebbiolo, sentire fra le mani la terra, i profumi di Langa, assimilare l’atmosfera di questi luoghi meravigliosi, conoscere le persone che vivono, lavorano, faticano, sudano e rischiano ogni anno di vedere miseramente perduto il frutto del loro impegno per un capriccio del tempo. Solo allora si può comprendere, amare, rispettare, ciò che è dentro quella bottiglia. Oggi, invece, non c’è il tempo né la volontà di capire che il vino, quello vero, non è una semplice bevanda, è molto di più, è storia liquida, è vissuto, a volte anche dolore.
Luca se ne rende conto, anche se è cresciuto in un’epoca dove il vino ha assunto un ruolo assai diverso dal passato, tanto da occupare un posto importante persino nelle librerie, fra guide, trattati enologici, romanzi, racconti fotografici, poesie, monografie sui produttori, agende, e nei negozi di casalinghi è pressoché normale trovare tutta una serie di accessori, calici, decanter e scoladecanter, cavatappi in legno pregiato, sistemi salvagoccia, portabottiglie, carrelli, portaghiaccio, bracciali con ghiaccio sintetico, termometri, c’è davvero di tutto. Così come le manifestazioni enogastronomiche, presenti ormai quasi quotidianamente, nel più piccolo e sperduto comune della Lucania come nelle grandi fiere di provincia.
Una mescolanza di passione e business, che ha coinvolto industriali, avvocati, notai, attori, cantanti, una realtà molto lontana da quella in cui è cresciuto papà Mario, un vero uomo di vigna, di poche parole, una di quelle persone che ti racconta la storia di Langa solo attraverso il suo sguardo, schivo ma pieno di genuina umanità, diffidente e lontano da un mondo che corre, in continua trasformazione, sempre più incapace di fermarsi e riflettere, assaporare, cogliere sfumature.
Mario ne è consapevole, ne prende atto, e lascia che il figlio segua la sua strada, faccia le sue scelte, le sue conquiste e i suoi errori. E’ giusto così. Oggi il vino è anche competizione, i Paesi produttori sono sempre più numerosi, molti dei quali in grado di proporre vini validi a prezzi assai inferiori ai nostri o a quelli della vicina Francia, ormai si fa vino un po’ ovunque, in Cile, in Sudafrica, in Nuova Zelanda, in Argentina, in Cina, in India, in Israele, in Russia. E qual è la nostra forza? Il connubio fra terreno, vitigno e uomo, un triangolo che crea qualcosa di unico e irripetibile, purché se ne rispettino i principi e i valori.
E in casa Gagliasso questi elementi ci sono tutti, siamo nella terra del grande Barolo, dove il nebbiolo trova forse la sua espressione massima, ecco perché è importante che questi vini mantengano un carattere indipendente, libero, il più possibile immune da mode e condizionamenti. Il mercato fatica a capire? Bene, noi siamo qui anche per questo.

Vini degustatiAnnataPrezzoVoto
Barolo1999da 25 a 50 euro@@
Barolo Rocche dell'Annunziata1999da 25 a 50 euro@@@
Barolo Rocche dell'Annunziata2000da 25 a 50 euro@@@
Barolo Rocche dell'Annunziata2001da 25 a 50 euro@@@@@
Barolo Rocche dell'Annunziata2004N/A
@@@@@
Barolo Rocche dell'Annunziata2005da 25 a 50 euroN/A
Barolo Torriglione2000da 25 a 50 euro@@@@
Barolo Torriglione2001da 25 a 50 euro@@@@
Barolo Torriglione2004N/A
@@@@
Barolo Tre Utin2012da 25 a 50 euro@@@@

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani