Friuli Grave Refosco Refoscone 2001

Degustatore: laVINIum
Valutazione: @@
Data degustazione: 11/2003


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: refosco dal peduncolo rosso
Titolo alcolometrico: 13,4 %
Produttore: FORCHIR
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 7,50 a 10 euro


Così chiamato per sottolineare il particolare clone della famiglia dei refoschi utilizzato, il Refoscone ci giunge dai terreni sassosi delle Grave del Friuli, da uve appena surmature, lasciate ad asciugare un paio di settimane sulla pianta, all’ultimo sole d’autunno. Un vino non filtrato e si vede: rosso rubino dalla lieve sfumatura violacea, vivace e luminoso, di media concentrazione. All’olfatto è di media intensità, le note iniziali sono quelle vinose tipiche dei vini giovani, poi il Refoscone si schiude e da un sottofondo di erba tagliata emerge un buon fruttato di mora, lampone e ribes rosso. Dopo l’ossigenazione note di caffé verde chiudono l’interessante bagaglio aromatico. Al gusto è secco, di media grassezza e di buona acidità; sono soprattutto i tannini a mettersi in evidenza, ancora un po’ astringenti e conducenti ad un finale lievemente amarognolo. C’è un buon equilibrio, con qualche lieve asperità che il tempo mitigherà. E’ un refosco complessivamente ben riuscito, ricco di personalità e di buona complessità. E’ senz’altro in grado di crescere ancora, ma è già soddisfacente adesso, servito a 18°C, in calici di buona ampiezza, abbinato a primi piatti quali timballi di pasta, lasagne o cannelloni.

RECENTI

  • Sicilia Nero d’Avola Costadune 2017

    Sicilia Nero d’Avola Costadune 2017

  • Perricone Rosé Costadune 2017

    Perricone Rosé Costadune 2017

  • Sicilia Grillo Costadune 2017

    Sicilia Grillo Costadune 2017

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani