Fiano di Avellino 2002

Degustatore: Fabio Cimmino Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 09/2003


Tipologia: DOC Bianco
Vitigni: fiano
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: MARSELLA – Azienda Marsella Guido
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Ogni qualvolta stappo una bottiglia di questo piccolo produttore di Fiano di Avellino con cantine in Summonte, in provincia di Avellino, difficile mi è trattenere l’emozione. E’ infatti con una recensione di questo vino che ho iniziato la mia avventura nel mondo del giornalismo enogastronomico. Annata dopo annata è divenuto sempre più difficile, purtroppo, riuscire a reperirne qualche bottiglia mentre il prezzo, fortunatamente, pur essendo sensibilmente aumentato (dalle vecchie 16.000 Lire si è passati agli attuali 11 Euro) non ha raggiunto gli eccessi cui sempre più di frequente capita di vedere in ristoranti ed enoteche. Il Fiano di Marsella è considerato dagli enoappassionati “IL” Fiano per eccellenza ed è annoverato tra i migliori bianchi in Italia. Anche in annate sfavorevoli come quella 2002, l’etichetta di Marsella rimane una garanzia. Si tratta di un vino che non subisce particolari lavorazioni ma che trae tutta la sua sostanza dal particolare terroir dove prende origine. Niente legno, niente barrique, viene lasciato riposare in recipienti di acciaio inox ed è imbottigliato solo dopo l’affinamento, a circa un anno dalla vendemmia. Il 2002 è uscito, pertanto, solo in queste settimane. Il colore è un giallo oro brillante ed intenso ma soprattutto vivo. I profumi spaziano dagli agrumi (scorza di pompelmo) alla frutta esotica. In bocca grassezza ed opulenza si sposano su un elegante e fine sottofondo minerale. Vien da pensare ai migliori riesling tedeschi. Lunghissimo e persistente il finale. Grande equilibrio ed armonia. Anche qualche ora (se riuscirete a resistergli tanto!) dopo aver stampato la bottiglia profumi e sapori preservano la loro integrità. Godetevelo da solo oppure andate oltre i canonici abbinamenti con preparazioni di pesce ed azzardate qualche accostamento con piatti più complessi ed elaborati. Non vi deluderà.

RECENTI

  • Rosato 2016

    Rosato 2016

  • Chianti Puro 2016

    Chianti Puro 2016

  • Bianco del Mulino 2016

    Bianco del Mulino 2016

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani