Dolcetto di Dogliani Vigna Pregliasco 2004

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 02/2006


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: dolcetto
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: COZZO MARIO – Cascine Lasagna e Braida
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 7,50 a 10 euro


Il Vigna Pregliasco è senz’altro il Dolcetto più importante dell’azienda Cozzo; ottenuto da una selezione di uve raccolte da piante a piede franco, ovvero senza il portainnesto americano, come si faceva un tempo, prima che apparisse la fillossera, quell’insetto che ha portato distruzione nei vigneti di tutta Europa. La vinificazione prevede un breve passaggio di 3 mesi in botte grande di rovere e successivamente 8 mesi in tini di acciaio. Il risultato è un vino dal colore rubino intenso e concentrato con riflessi violacei, naso meno slanciato e immediato ma bisognoso di maggiore aerazione per esprimere la sua maggiore complessità. I profumi ricordano il sottobosco, l’humus, i fiori macerati e appassiti, l’amarena e la ciliegia mature, note minerali, cenni di spezie dolci. In bocca è più intenso e avvolgente, con tannino molto fine e bella ricchezza di frutto; c’è una vena sapida che ne arricchisce le sensazioni, mentre la componente amarognola è qui estremamente ridotta a vantaggio di una maggiore morbidezza d’insieme. Vino più strutturato ma non pesante, in grado di accompagnare a 18° C piatti importanti e saporiti come tagliolini al sugo di lepre, pappardelle alla scottiglia di cinghiale, ossobuchi di manzo in umido, anatra in casseruola, formaggi a pasta dura lungamente stagionati.

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani