Dolcetto di Diano d’Alba Garabei 2005

Degustatore: laVINIum Valutazione: @@@@
Data degustazione: 04/2016


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: dolcetto
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: ABRIGO GIOVANNI – Azienda Agricola Abrigo Giovanni
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Sebbene era un po’ di tempo che non presentavamo una vera e propria scheda dei vini di Giorgio Abrigo, non abbiamo mai smesso di cogliere occasione per poter assaggiare l’ottimo Dolcetto di Diano d’Alba Garabei, ottenuto dalla vigna più vecchia di proprietà. A parte l’annata 2003, che ha messo a dura prova la maggior parte dei Dolcetto, il Garabei rappresenta una sicurezza, con il suo colore rubino intenso con riflessi purpurei, i profumi molto varietali che spaziano dalla ciliegia al lampone, dalla visciola alla prugna, ma che non disdegnano richiami floreali di violetta, man mano che il vino si apre diventano più complessi, proponendoci sensazioni di grande suggestione, toni balsamici, sfumature pepate, liquirizia dolce e una nota ammandorlata molto piacevole. Al palato si distende benissimo, mostrando una bella succosità di frutto, sostenuta da acidità coerente e da una sottile ma determinante tannicità, mentre il finale ci ripropone la sfumatura ammandorlata e una delicata vena sapida. Vino di struttura che però non eccede, non dimentica la sua vocazione e tradizione di compagno del pasto quotidiano. Si sposa bene con cannelloni al ripieno di carne, tajarin al sugo di lepre, piccione al forno, anatra in casseruola.

RECENTI

  • Pachàr 2016

    Pachàr 2016

  • FATTORIA LAVACCHIO – Agricola Lavacchio

    FATTORIA LAVACCHIO – Agricola Lavacchio

  • Lacryma Christi del Vesuvio Rosso Territorio de’ Matroni 2015

    Lacryma Christi del Vesuvio Rosso Territorio de’ Matroni 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani