Dolcetto di Diano d’Alba Fosco 2009

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 12/2011


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: dolcetto
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: SALVANO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Il Dolcetto di Diano d’Alba o semplicemente Diano d’Alba è divenuto Docg con l’annata 2010, questa versione è quindi ancora doc. La situazione del Dolcetto è molto complessa, è un’uva molto diffusa in Piemonte, tanto da rientrare in una dozzina di denominazioni, con le ovvie conseguenze di produrre una notevole confusione dal punto di vista commerciale, anche perché ci sono notevoli differenze sul piano organolettico da zona a zona. Per questa ragione alcuni consorzi hanno deciso di puntare all’eliminazione del nome del vitigno dando priorità alla località di produzione per recuperare una più precisa identità del territorio e garantire nel tempo una maggiore riconoscibilità sul mercato. E’ accaduto con la Docg Dogliani ed è presumibile che avverrà con il tempo anche per le altre due attuali Docg Ovada e Diano d’Alba, che già ora possono omettere il nome del vitigno. Il Fosco 2009 ha un colore rubino intenso con unghia violacea, l’impatto odoroso è potente, lo si sente anche a notevole distanza, un tripudio di frutti rossi e carnosi, si percepisce una materia importante, la classica vinosità è qui confortata da una maggiore complessità che spinge anche verso una fine speziatura, che chiude con un’interessante nota di liquirizia. In bocca conferma una bella prestanza, senza per questo raggiungere inutili appesantimenti, forte anche di una buona acidità che sostiene un frutto fresco e croccante con accenti addirittura pepati. Un risultato notevole se, come leggo sulla scheda, il vino ha sostato esclusivamente in acciaio. Non manca la tradizionale chiusura amarognola. Ad un pelo dalla quarta chiocciola.

RECENTI

  • Riviera Ligure di Ponente Granaccia Rebosso 2016

    Riviera Ligure di Ponente Granaccia Rebosso 2016

  • Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

    Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

    Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani