Collio Sauvignon Ronco Cucco 2002

Degustatore: Maurizio Taglioni Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 06/2003


Tipologia: DOC Bianco
Vitigni: sauvignon
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: TENUTA VILLANOVA
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


“Quant’è bello lu primm’ammore, lu secondo è ‘cchiù meglio ancore” direbbero un bel po’ più a Sud. Non ci troviamo in Puglia ma pur sempre a levante, in Friuli, territorio di elezione per i vitigni a bacca bianca e per i vini che mastri vignaioli e cantinieri locali ne sanno storicamente trarre. Sino a qualche mese fa, se mi avessero chiesto quale fosse il miglior sauvignon italiano non avrei esitato un attimo nel rispondere; citando il primo amore, un Collio tra i più famosi. Ora esito tra il primo e questo Ronco Cucco della Tenuta Villanova, ancora un Collio, che tra l’altro ha il vantaggio di costare la metà del primo. Un vino cristallino, dal colore giallo paglierino pagliuzzato di verdolino, quasi un paglia e fieno, vivace ed al tempo stesso saldo nel calice, sui bordi del quale mostra fiero le sue grassezza e consistenza. Ha impatto intenso, caratteristico, rispettoso della tipicità del sauvignon, quello della cesta piena di pomodori appena colti; poi l’olfatto si amplia e dal caldo abbraccio dove si trovavano avviluppate, iniziano ad emergere sensazioni fruttate finissime di frutto della passione e di ananas, accompagnate da altre più complesse di pietra bianca calda, quella del fiume estivo in secca, e speziate di pepe bianco. Al palato si conferma morbido e ben strutturato, eccellentemente sostenuto da nerbo acido, tanto, più di quanto non ne mostrasse l’annata 2000, e sapidità. Ha sviluppo lento, graduale e senza fine, consono a sé stesso ed all’olfatto usato: parte verde, poi si fa giallo, quasi oro, poi bianco finissimo e speziato. Un finale eccellente, avvolgente, gradevolmente acidulo, affatto stancante, elegante. Un vino che al pieno rispetto delle peculiarità del vitigno, sa unire concentrazione fruttata, profondità, complessità ed appunto facilità di beva senza affaticamento. Ottimo già adesso, radioso il suo futuro nei cinque o dieci anni a venire. Da non mancare.

RECENTI

  • Hallé Rosé Brut Metodo Classico

    Hallé Rosé Brut Metodo Classico

  • Fontegalli 2012

    Fontegalli 2012

  • Rosato 2016

    Rosato 2016

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani