Collio Malvasia 2010

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 05/2012


Tipologia: DOC Bianco
Vitigni: malvasia istriana
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: VENICA & VENICA – Azienda Agricola Venica & Venica
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


La malvasia è una delle varietà più diffuse, ma dietro di essa c’è ancora molta confusione, di fatto vengono chiamate genericamente malvasia molte varietà che non hanno alcuna parentela. La malvasia coltivata in Friuli corrisponde alla malvasia bianca, o d’Istria, friulana e del Carso, con le dovute differenze locali. Non ha nulla a che vedere, invece, con la malvasia diffusa ad esempio nel Lazio, né con quella presente in Sardegna. Di fatto la malvasia istriana è la più antica presente in Friuli, tanto che il Dalmasso cita fonti risalenti al 1300. Questa 2010 presenta nel calice un colore dorato chiaro luminescente, la tavolozza di profumi è ampia e per nulla banale, con note che si arricchiscono anche grazie al passaggio in legno grande di circa metà del vino. Non mancano richiami floreali di rosa bianca, giglio giapponese, leggera lavanda, ma la parte fruttata è più marcata, si passa dalla pera alla pesca gialla, al mango, al lime, all’albicocca, leggero vanigliato e rintocchi gessosi. La bocca regala note agrumate intense e mature, venature speziate dolci, accenni di miele di agrumi, non manca di sapidità e rivela una notevole persistenza aromatica.

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani