Collio Chardonnay 2004

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 11/2005


Tipologia: DOC Bianco
Vitigni: chardonnay
Titolo alcolometrico: 12,5 %
Produttore: LIVON – Aziende Agricole
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 5,00 a 7,50 euro


La produzione di questa azienda friulana, che si attesta sulle 600.000 bottiglie annue, è impressionante per il numero di tipologie e per il livello qualitativo medio che riesce ad ottenere. Segno evidente che i fratelli Tonino e Valneo Livon, coadiuvati dall’enologo Rinaldo Stocco, personaggio per certi aspetti stravagante ma di indubbia intelligenza e capacità (condivido in pieno la sua opinione che il vino, anche il più corposo, non deve mai perdere le caratteristiche di digeribilità e abbinabilità), sanno perfettamente come produrre vino di qualità. Questo Chardonnay del Collio rinetra nella gamma dei vini base, ma è un prodotto di assoluto rispetto ad un prezzo più che corretto. Bel giallo paglierino medio con venature verdoline e lucentezza cristallina. Il profilo olfattivo è caratterizzato da belle note fruttate di ananas, pera, mela golden e agrumi, su una base piacevolmente floreale e appena minerale. L’attacco al palato è quello che ci aspetta: fresco, dinamico ed equilibrato, intenso ma senza strafare nella potenza alcolica (12,5% dichiarati). Restituisce in pieno la freschezza di frutto e manifesta una pulizia esecutiva esemplare. Un vino che vale la pena acquistare e godersi con piatti a base di pesce o carne bianca, ben conditi e saporiti.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani