Collio Cabernet Sauvignon Monte Cucco 1997

Degustatore: Maurizio Taglioni Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 01/2002


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: cabernet sauvignon
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: TENUTA VILLANOVA
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: N/A


Esame visivo: Cristallino ma al tempo stesso concentrato, poco trasparente, di un colore amaranto-viola ancora vivace e senza alcun cedimento sull’unghia, “corta” a causa della concentrazione; lascia il bicchiere rosa al suo passaggio pur senza rivelarsi eccessivamente grasso, gli archetti sono di buona fittezza, le lacrime vengono giù abbastanza larghe ed abbastanza lente/lente: abbastanza consistente/consistente. Esame olfattivo: Regala un attacco intenso, elegante ed interessante. Da un sottofondo erbaceo paglia e fieno, emergono foglia di rabarbaro e peperone rosso maturo… poi il frutto, ribes nero sfranto tra le dita, quasi gelée di cassis ed altri frutti di bosco scuri quale la mora di rovo. Interessante anche dopo l’ossigenazione, quando rispunta l’amaricante sciroppo di rabarbaro, piccole, ma piccole note di caffè torrefatto e vaniglia e qualche sentore balsamico di bosco di alloro ed eucalipto. Grande complessità, eccezionale pulizia olfattiva e qualità. Esame gustativo: In bocca si mostra quasi equilibrato, con ancora un po’ di vivacità giovanile in primo piano. E’ secco, abbastanza caldo/caldo e di media morbidezza. Deciso il nerbo acido a più che bilanciare le sensazioni, coadiuvato da una trama tannica fitta, intensa ma molto molto elegante, puro velluto. Abbastanza sapido. Ha corpo da vendere ma non “pesa” in bocca più di tanto. regala un finale lunghissimo che ricalca via via le sensazioni preannunciate all’olfatto. Le sensazioni finali, avvolgenti, invitano a rinnovare l’ottima beva. Qualità eccellente, pulizia, complessità… tutto. Stato evolutivo: Pronto. Giudizio finale: Volete conoscere il Cabernet Sauvignon? Vi piacerebbe riconoscere un vino ottenuto da questo vitigno? Bene! Assaggiate questo della Tenuta Villanova. Vino esemplare, vino didattico. Volete conoscere il sapore dei grandi vini del Médoc risparmiando un sacco di soldi? Eccolo! Lasciatelo pure invecchiare o, se lo bevete subito, lasciate pure la bottiglia aperta ore ed ore, lui non si spegne, è un crescendo di sensazioni. Reggerà benissimo, migliorando, per altri dieci anni ma si potrà provare anche molto più in là. Da servire a 16÷18° in bicchieri per vini rossi di corpo (Bòlgheri, Pauillac o Saint-Julien). Abbinamenti: Impareggiabile con la Fondue Bourguignonne adesso, immancabile con grandi piatti di cacciagione poi. Impareggiabile con formaggi saporosi a media stagionatura adesso, immancabile con formaggi saporosi e stagionati poi. Piatti regionali quali Pastizzada de manso (manzo stufato) o Goulasch triestino adesso, un giorno potrà reggere anche il confronto con la Selvaggina in paiz (selvaggina marinata).

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani