Colli Tortonesi Barbera Superiore Bruma d’Autunno 2005

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 12/2010


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: barbera
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: I CARPINI
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Chiudiamo la carrellata con il vino più “anziano”, un 2005 ottenuto da sole uve barbera provenienti dal vigneto Riccardo, impiantato nientemeno che nel 1926 e dal 2000 rinnovato con nuovi cloni e infittito fino a raggiungere i 5.000 ceppi per ettaro, cambiando anche il sistema di potatura da guyot a cordone speronato basso. Dall’annata 2005 sono state ottenute 3.243 bottiglie di cui questa è la numero 2611. Per produrre il Bruma d’Autunno viene fatta una selezione dei grappoli migliori, che vengono pigiadiraspati, fermentati in tini di acciaio e parzialmente elevati in tonneaux di rovere francese per circa 14 mesi. Il periodo di affinamento in bottiglia è di 12 mesi, necessario a raggiungere un buon equilibrio e assorbimento del legno. Non c’è dubbio, anche solo osservandolo nel calice, che questo vino deve rappresentare la summa di tutta la filosofia aziendale, il colore è un rubino intenso e quasi impenetrabile, molto compatto, con vaghi richiami granati all’unghia. L’energia che sprigiona sembra quasi non voler tener conto dei limiti imposti dalle pareti del cristallo, ha un balzo deciso e invade velocemente l’ambiente circostante, nonostante la notevole compattezza anche nel bagaglio odoroso, si intuisce una più spiccata complessità, non passano inosservate le note di tabacco e cuoio che avvolgono una fitta trama fruttata in confettura, frutti scuri, direi neri, mora, visciola, mirtilli, anche amarena, sfumature balsamiche, leggero inchiostro, carne al sangue con speziatura di cardamomo e chiodo di garofano, cioccolato fondente, tocchi di carrube e goudron in formazione. Altrettanto deciso è l’impatto gustativo, attenzione però, non è un vino “gonfiato”, la sua energia è concreta, sta nel lavoro fatto prima e non dopo, la freschezza altrimenti sarebbe andata probabilmente dispersa, invece è qui, presente e di grande utilità a rendere scorrevole il vino, pieno, equilibrato, persistente, soprattutto vivo. Molto bene.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani