Chianti Rùfina 2007

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 03/2009


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: sangiovese
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: COLOGNOLE – Azienda Agricola di Gabriella Spalletti Trivelli
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 7,50 a 10 euro


I vigneti dell’azienda Colognole sono situati alle pendici del Monte Giovi ad un’altitudine che va dai 230 ai 450 metri s.l.m., i terreni sono a medio impasto, con evidenti residui di scheletro. La produzione media per pianta si aggira su 1,2 chilogrammi, una quantità decisamente contenuta per favorire una maggiore concentrazione ma anche una più facile maturazione dei grappoli che permetta una raccolta leggermente in anticipo rispetto agli anni passati, proprio in virtù di un clima sempre più bizzarro e imprevedibile. Negli ultimi anni si è lavorato molto sulla selezione clonale e sull’utilizzo dei portainnesti più idonei. Il Chianti Rufina 2007 si offre alla vista di un bel colore rubino intenso con venature purpuree, sul piano olfattivo c’è qualche flessione su toni vegetali ma complessivamente appare pulito ed espressivo, con richiami alla visciola e alla ciliegia nera. Al palato conferma tratti immaturi e verdi, pur se accompagnati da un ritorno fruttato dignitoso e piacevole, una buona acidità e un tannino ancora nervoso caratterizzano la beva, con un finale che chiude appena corto.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani