Chianti Classico Riserva Rancia 2004

Degustatore: laVINIum Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 09/2013


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: sangiovese
Titolo alcolometrico: 13.5 %
Produttore: FELSINA – Fattoria di Felsina
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca:  da 25 a 50 euro


Qualche giorno fa ho avuto il piacere di pranzare alla Taverna di Moranda a Monticchiello, un borgo delizioso situato tra Montepulciano e Pienza, conoscevo il locale per fama ma non ero ancora riuscito ad andarci. Ma non sto qui per farvi la recensione del ristorante, mi serviva solo per farvi capire dove ho bevuto il Chianti Classico Riserva Rancia 2004 di Felsina. Quando ho visto che in carta veniva 40 euro, mi sono reso conto che era un’ottima occasione per riassaggiare uno dei vini toscani che amo di più, non potevo farmelo scappare. E ho fatto bene! I nove anni dalla vendemmia mi hanno messo di fronte ad un rosso perfetto, equilibrato in ogni suo aspetto, del resto sono abituato a bere il Rancia sempre con qualche anno sulle spalle, sarebbe sciocco degustarlo appena uscito. E’ una selezione accurata delle migliori uve del vigneto omonimo, in Comune di Castelnuovo Berardenga, siamo ad oltre 400 metri sul livello del mare su terreno prevalentemente calcareo e il sangiovese sembra andarci a nozze. Un’autentica sinfonia di profumi, dove la speziatura lega perfettamente con il frutto maturo, le note terrose e boschive, la profonda mineralità e le prime avvisaglie di goudron e tabacco; non ho preso appunti pertanto non sono in grado di elencarvi la miriade di sensazioni odorose che ho percepito. Al gusto è altrettanto strepitoso, direi raffinato, un sangiovese di razza, dove il legno lascia come unica traccia del suo passaggio la complessa speziatura, morbido ma dalla freschezza viva e rassicurante, la bevibilità è incredibile, rimani soggiogato, se non avessi dovuto guidare subito dopo, certamente non ne sarebbe rimasta neanche una goccia… Quando si parla di Felsina non si può fare a meno di citare Giuseppe Mazzocolin, genero del fondatore Domenico Poggiali, personaggio chiave non solo per l’azienda ma direi in generale per la Toscana, un personaggio di grande carisma, umanista, filosofo, grande conoscitore del territorio e della storia, che ha contribuito in prima persona a far crescere la cultura del vino in Italia; non ho dubbi che dentro il Rancia ci sia anche il suo contributo.

RECENTI

  • Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

    Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Cygnus 2016

    Riviera Ligure di Ponente Pigato Cygnus 2016

  • POGGIO DEI GORLERI

    POGGIO DEI GORLERI

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani