Catarratto 2004

barcat04Degustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@
Data degustazione: 06/2010


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: catarratto
Titolo alcolometrico: 11,25 %
Produttore: BARRACO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


E’ la prima annata di casa Barraco, piena fase di sperimentazione e ricerca, in questo caso per la chiusura del vino è stato utilizzato un tappo sintetico, successivamente abbandonato a favore del sughero. L’evoluzione del vino, quindi, è probabilmente diversa da ciò che avrebbe potuto essere con quella microssigenazione fornita dal tappo classico. Interessante notare la gradazione alcolica dichiarata in etichetta, un valore che secondo le norme attuali non è possibile mettere, va necessariamente arrotondato al mezzo grado in più o in meno. E’ comunque decisamente bassa, tanto più se pensiamo che si tratta di un vino siciliano. Oggi molti ci metterebbero la firma per potere fare un buon vino a meno di 12 gradi, visto che il clima sempre più caldo sta spingendo un sempre maggiore numero di persone verso la richiesta di gradazioni meno spinte, tanto più nei vini bianchi. Il colore è un dorato intenso e cristallino, la traccia ossidativa è presente anche in questo caso, così come la percezione minerale, più penalizzato appare invece nel ventaglio dei profumi, che non sembrano riuscire a manifestarsi in modo distinto, preciso e soprattutto ampio. All’assaggio non manca l’acidità, si percepisce la nota agrumata e candita, la sapidità, mentre a centro bocca appare più magro, asciutto, essenziale. Però la materia è sempre ottima, la piacevolezza non manca e l’alcolicità contenuta lo rende particolarmente equilibrato e digeribile.

RECENTI

  • Barbera d’Asti Poderi dei Bricchi Astigiani 2016

    Barbera d’Asti Poderi dei Bricchi Astigiani 2016

  • Barolo Bussia Dardi Le Rose 2012

    Barolo Bussia Dardi Le Rose 2012

  • VignaAlta 2015

    VignaAlta 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani