Calvario 2007

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 06/2010


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: marsanne
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: TENUTA I RONCHI
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Non sono molti in Italia a produrre marsanne in purezza, che io sappia nel piacentino sono solo due, Tenuta La Ratta nel comune di Vernasca e Tenuta I Ronchi a Vigolzone. Del resto il vitigno è previsto solo nella Doc Colli Piacentini, ma per la produzione del Vin Santo di Vigoleno (min. 60%) e del Vin Santo (max. 20%), per questa ragione il Calvario esce come Igt Terre di Veleja, che consente l’utilizzo al 100% del marsanne. Di certo questa varietà, proveniente dalla zona del Rodano settentrionale e spesso coltivato in compagnia del roussanne, se lavorato con basse rese può offrire risultati di assoluto rilievo. Claudio Bernardi con i due soci Emanuela e Stefano, hanno scelto di produrre questo vino in purezza, il cui nome, Calvario, non è casuale, poiché il marsanne è un’uva difficile, tende a sfuggire di mano, va seguita attentamente in vigna, anche perché è molto sensibile all’oidio. Trattandosi di un’azienda che lavora con metodo biologico, potete immaginare le difficoltà che può incontrare e quanto la prevenzione e una cura meticolosa diventino essenziali per ottenere buoni risultati. Le basse rese, che in questo caso comportano una riduzione di circa il 50% d’uva per pianta, sono fondamentali sia per dare più resistenza alle piante, sia per ottenere un vino di stoffa e struttura. Ho avuto occasione di apprezzare il Calvario 2007 venerdì 11 giugno, durante una serata presso il “Sedici20”, ex “Castello Incantato”, il piacevolissimo locale recentemente ristrutturato e rinnovato di Alessandro Rinaldi, situato a Fiano Romano proprio accanto al bellissimo Castello Orsini. Una serata dedicata alla presentazione della produzione de I Ronchi da parte di uno dei due soci, Stefano Agazzi. Quattro vini annata 2007: un interessante Sauvignon, raccolto a piena maturazione, quindi senza quei fin troppo marcanti sentori vegetali ed erbacei ma nettamente più orientato al frutto; un Cabernet Sauvignon dai profumi di marasca, vaniglia e sottobosco e un corpo equilibrato e di buona personalità; il Pargall, un assemblaggio di barbera all’85% e merlot per la rimanente parte, forse il vino che mi ha convinto meno, non perché non fosse ben fatto, ma a mio avviso il merlot gli sottraeva temperamento dandogli un’impronta più internazionale e un po’ prevedibile. Non posso non menzionare una chicca che Stefano ha portato per allietare ulteriormente la serata, uno stupefacente passito di bonarda, il Bonarosa, purtroppo prodotto in poche centinaia di bottiglie per il piacere di amici e parenti, ma non è escluso che in futuro aumentino la produzione, ne varrebbe davvero la pena. Il Marsanne 2007 si è rivelato vino di carattere e originalità, dal colore giallo dorato luminoso, presenta una trama olfattiva molto particolare e coinvolgente, inizialmente orientata alle erbe aromatiche, con leggere sfumature di assenzio e fieno, poi sempre più avvolta da un frutto intenso e piacevole, con note di cedro, pesca gialla, mango, effluvi di mandorla e papaia. Al palato mostra una notevole sapidità, perfetto equilibrio fra acidità e frutto maturo, ottima struttura e un finale fitto, prolungato, appagante. Un vino che si beve con gran piacere e va abbinato a piatti di una certa intensità e persistenza, io l’ho provato con degli ottimi agnolotti alle noci, ma credo che il meglio di sé possa darlo con i crostacei o con pesci saporiti come la cernia e il pesce spada. Non sottoponetelo a inutili temperature da frigo, va servito attorno ai 12°C, anche qualcosa in più piuttosto che in meno.

RECENTI

  • Riviera Ligure di Ponente Granaccia Rebosso 2016

    Riviera Ligure di Ponente Granaccia Rebosso 2016

  • Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

    Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

    Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani