Borc Sandrigo T.6-16-9-19-10-1-12-13 2012

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 09/2016


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: friulano
Titolo alcolometrico: 12,5 %
Produttore: DENIS MONTANAR
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Poco più di un anno fa Stefano Cergolj, prezioso collaboratore di Lavinium per il Friuli (e non solo), dedicò un’eccellente intervista a Denis Montanar, dalla quale emerse con chiarezza la personalità e la visione di questo vignaiolo, che dall’89 ha preso in mano le redini dell’azienda di famiglia. Con convinzione ha scelto un approccio rispettoso e mirato a produrre vini di qualità con metodo biologico e biodinamico. Da anni fa parte dell’associazione Renaissance des Appellation fondata da Nicolas Joly e aderisce al Manifesto dei Produttori Vini “Triple A” (Agricoltori, Artigiani, Artisti) ideato e scritto da Luca Gargano nel luglio 2001, un vero e proprio decalogo a cui tutti gli associati devono adeguarsi, che stabilisce dieci semplici regole: i vini Triple A possono nascere solo – da una selezione manuale delle future viti, per una vera selezione massale; – da produttori agricoltori, che coltivano i vigneti senza utilizzare sostanze chimiche di sintesi rispettando la vite e i suoi cicli naturali; – da uve raccolte a maturazione fisiologica e perfettamente sane; – da mosti ai quali non venga aggiunta né anidride solforosa né altri additivi. L’anidride solforosa può essere aggiunta solo in minime quantità al momento dell’imbottigliamento; – utilizzando solo lieviti indigeni ed escudendo i lieviti selezionati; – senza interventi chimici o fisici prima e durante la fermentazione alcolica diversi dal semplice controllo delle temperature. (Sono tassativamente esclusi gli interventi di concentrazione attuati con qualsiasi metodo); – maturando sulle proprie “fecce fini” fino all’imbottigliamento; – non correggendo nessun parametro chimico; – non chiarificando e filtrando prima dell’imbottigliamento. Come Denis racconta nell’intervista “Cerco di portare i profumi e i sapori della mia terra dentro le bottiglie, e per raggiungere quest’obiettivo esigo non ci siano compromessi o facili scorciatoie. Le regole dell’agricoltura biologica sono un valido mezzo che mi permettono di lavorare rispettando sia la terra sia il consumatore finale. Quando si parla di biologico, si porta in primo piano una filosofia semplice nei suoi contenuti principali. Ma nonostante tutto, sembrano messaggi che non tutti riescono a recepire, quasi la gente si fosse disabituata alle cose semplici della vita e non sia più in grado di decifrare i segnali che la natura ogni giorno c’invia. La mia passione per il biologico è partita da queste semplici considerazioni ed è in continuo movimento perché ogni giorno s’imparano cose nuove che poi cerco di mettere in pratica nel lavoro quotidiano in campagna”. Il Borc Sandrigo T.6-16-9-19-10-1-12-13 è un tocai friulano in purezza, quei curiosi numeri che accompagnano la T di tocai non sono altro che i numeri corrispondenti nell’alfabeto alle lettere che compongono la parola “friulano”. Viene maturato in acciaio sulle fecce fini per otto mesi, dalla vendemmia 2012 sono nate 6.600 bottiglie da 75 cl. Proviene da un piccolo appezzamento inferiore a mezzo ettaro, l’impianto è del 1987 e il metodo di allevamento utilizzato è il sylvoz. L’assenza di chiarifica e filtrazione non deve ingannarvi, nel calice il vino appare perfettamente limpido e di un bel colore oro chiaro e lucente; spiccano subito piacevoli note di salvia, fiori bianchi, mandorla e agrumi, evidenti riflessi gessosi e minerali. Al gusto è sapido e avvolgente, c’è carnosità nel frutto, una buona acidità e un ottimo equilibrio in ogni sua parte, la lunga persistenza scandisce rigorosamente la bella sequenza aromatica. Vino tutt’altro che difficile, si apre con immediatezza rivelando un ricco linguaggio espressivo.

RECENTI

  • Sassocarlo Terre a Mano 2010

    Sassocarlo Terre a Mano 2010

  • Valtellina Superiore Sassella “Del Negus” Riserva 2012

    Valtellina Superiore Sassella “Del Negus” Riserva 2012

  • Valtellina Superiore Sassella “Del Negus” 2013

    Valtellina Superiore Sassella “Del Negus” 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani