Belardi Bianco 2008

img_nd

Degustatore: Maurizio Taglioni
Valutazione: @@@
Data degustazione: 05/2009


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: trebbiano toscano 50%, malvasia del Lazio 30%, bellone 20%
Titolo alcolometrico: 12 %
Produttore: BELARDI – di Belardi Maria Dolores
Bottiglia:
750 ml
Prezzo enoteca: fino a 5,00 euro


Storia del vino bianco di Belardi raccontata dal vignaiolo medesimo. “[…] quando raccogli l’uva fresca è meglio, e poi risparmi anche in cantina per l’abbattimento della temperatura. Un conto è raccogliere l’uva a 16-18 gradi, un altro è raccoglierla sotto il sole cocente a 45 gradi: ti parte subito la fermentazione e viene tutto un casino perché i batteri attaccano l’uva, mentre quando l’uva è fresca fanno meno danni e porti l’uva in cantina più sana. Noi vendemmiamo la mattina molto presto, appena c’è un po’ di luce, e poi, quando inizia a fare caldo, si lascia tutto e si viene in cantina. Per la fermentazione adottiamo il metodo tradizionale un tempo in uso ai Castelli Romani. Il vino bianco, fermentato insieme alle bucce, era di un colore più ambrato che oggi non viene più apprezzato dai consumatori, ma aveva più corpo di quanto non ne abbiano i bianchi di oggi, ed era ricco di polifenoli, ossia di quelle sostanze che fanno bene alla circolazione, al cuore, e alla salute in generale. Oggi si fa fermentare il mosto insieme alle bucce solo per la produzione dei vini rossi, mentre per i bianchi, appena spremuta l’uva, si separano immediatamente le parti liquide del mosto da quelle solide. Poi i vini vengono chiarificati, filtrati, e quindi privati di altre sostanze… cosa ci rimane? Io faccio ancora il mio vino bianco lasciandoci un po’ di bucce, non proprio tutte le bucce se no non se lo compra nessuno, ma comunque in quantità tale da conferirgli colore, profumi e quel sapore leggermente asprino, astringente, gradevolmente masticabile che deriva appunto da quelle sostanze presenti sulle bucce che fanno pure bene alla salute. La nostra clientela vuole vedere colore e sentire sapore. Quando, in passato, ho provato a farlo senza bucce i clienti mi dicevano: “Ma che m’hai portato? L’acqua?”. Quindi preferisco sempre farlo con un po’ di bucce e bello corposo”. Il Belardi bianco è un bel vino cristallino, giallo dorato con riflessi topazio, che profuma di mela, di mela grattata, di pera, di salvia e di timo. E’ equilibrato nelle sue componenti gustative, morbido e fresco al punto giusto, leggermente tannico, sapido come i vini veraci dei Castelli Romani. Contiene solo 58 milligrammi/litro di solforosa, che, tradotto in parole comprensibili a tutti, significa niente bruciori di stomaco né mal di testa. E’ prodotto con grande cura da Dino e famiglia ed è piacevolissimo, proprio come lo descrive lui. Costa quasi niente, un euro e mezzo al litro circa, sette-otto euro per la “dama” da cinque litri. Lo si può acquistare in cantina a Genzano o, per chi abita a Roma, al mercatino nei pressi di via Salaria.

RECENTI

  • Masseria Cacciagalli 2012

    Masseria Cacciagalli 2012

  • Mille 2015

    Mille 2015

  • Sphaeranera 2015

    Sphaeranera 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani