Barolo Vigna San Pietro 2004

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 07/2009


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: nebbiolo
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: TENUTA ROCCA – Azienda Agricola Tenuta Rocca
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 25 a 50 euro


Mi fa molto piacere constatare che le impressioni avute degustando questo Barolo la mattina del 10 maggio 2008, durante le giornate di Alba Wines Exhibition, trovano perfetta corrispondenza un anno dopo. Allora avevo notato che la versione 2004, rispetto alle annate precedenti, era assai meno marcata dal piccolo legno, che con il nebbiolo a mio parere non va proprio d’accordo, a meno che non si riesca a renderlo meno invasivo, ad usarlo cioè più come strumento per garantirgli una maggiore ossigenazione piuttosto che per trasferirgli aromi che non gli appartengono e magari ne coprono le straordinarie caratteristiche varietali. In passato, infatti, al Vigna San Pietro avevo preferito il Barolo Tenuta Rocca, più tradizionale e ben delineato. Con questa annata, indubbiamente più pronta e godibile, le sensazioni sono di un vino più equilibrato in ogni suo aspetto; se questo sia merito del lavoro di Bruno e Gianni Ciravegna, coadiuvati dall’enologo Piero Ballario, non sono ancora in grado di affermarlo, non avendo avuto occasione di degustare la versione 2005 di questo vino, ma dubito che sia dovuto solo alle particolari caratteristiche della 2004. Il colore è un bel granato luminoso e di buona trasparenza, il bouquet rivela una gamma espressiva interessante, dapprima floreale di viola e rosa, poi fruttata di ciliegia e lampone maturi; l’ossigenazione nel calice gli permette di sviluppare anche le note speziate, cannella, cardamomo, cuoio, liquirizia ed erbe aromatiche. In bocca non nasconde la provenienza monfortina nel tannino deciso ma assolutamente setoso e fine, l’alcol fa capoccella con evidenza ma non disturba più di tanto, il frutto è ben sorretto dalla freschezza e al retrogusto si affacciano piacevoli sensazioni di tabacco e liquirizia. Un bel Barolo, da bere seppur longevo, magari a 16° C se lo aprite in questo periodo estivo.

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani