Barolo Rocche 2000

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 12/2004


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: nebbiolo
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: SETTIMO AURELIO – Vitivinicola Aurelio Settimo
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 25 a 50 euro


L’azienda a conduzione familiare è collocata nel cuore della zona vocata alla produzione di Barolo, in Frazione Annunziata di La Morra. La Famiglia Settimo produce con le proprie uve sin dal 1962, Barolo, Dolcetto e Langhe Nebbiolo, su una superficie totale di circa 6,5 ettari (oltre 5,5 ha a nebbiolo e circa 1 a dolcetto). La vigna “Rocche”, da cui scaturisce questo Barolo, rappresenta il cru aziendale, con una superficie di 34.200 mq., esposta a sud-sud ovest. L’annata 2000 non ha le potenzialità della precedente, ma ha proposto mediamente Barolo più pronti e piacevoli, mantenendone comunque i tratti caratterizzanti. Il Rocche 2000 presenta un colore assolutamente in sintonia con la tipologia e con l’annata (Aurelio e la moglie Tiziana appartengono, grazie a Dio, a quel sempre più contenuto gruppo di viticoltori legati alle tradizioni, che vinificano senza “aggiustamenti”, nel rispetto dell’andamento di ciascuna stagione), rosso granato di media intensità, limpido e luminoso. I profumi sono eleganti e variegati, spaziano dai fiori secchi alla prugna sotto spirito, poi si aprono a note eteree e di liquirizia, fino a percepire la formazione terziaria del goudron. Una leggera nota affumicata e di pellame chiude il ventaglio aromatico. Al gusto è tutt’altro che ruffiano, alcolico e robusto, mette in evidenza la propria indole, i tannini sono ancora un po’ rudi (gli assaggi delle annate ’89, ’82 e ’74, hanno dimostrato che il Barolo Rocche è in grado di evolvere ed equilibrarsi magnificamente) e scomposti, mentre l’acidità che lo sostiene cerca ancora un equilibrio con il frutto (ancora prugna) e la leggera pungenza alcolica. Per ora la durezza è in vantaggio rispetto alle componenti morbide, ma il tempo smusserà certe asperità, offrendo anche ai palati più esigenti ottime soddisfazioni. Il finale lungo e corrispondente testimonia la buona qualità di questo vino e fa ben sperare sulla sua futura evoluzione.

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani