Barolo Chirlet 2007

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 12/2012


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: nebbiolo
Titolo alcolometrico: 14,5 %
Produttore: SIMONE SCALETTA
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 25 a 50 euro


Annate come la 2007, che tutti ricorderanno calda anche se non con lo stesso livello di siccità e gli stessi picchi di temperatura della 2003, sono molto utili per capire come si comporta il nebbiolo in vigna, se riesce a maturare in modo equilibrato oppure, per ottenere un vinacciolo a giusta maturazione, si è costretti a portare più avanti il momento della raccolta con il rischio di uve un po’ troppo cotte e con acidità sotto i limiti. Aiutano anche a rendersi conto se e cosa si deve correggere affinché le piante superino le eventuali difficoltà. In poche parole le espressioni “cru” e “terroir” possono tremare o acquistare un senso proprio in questi momenti, ovvero quando le condizioni climatiche sono particolarmente sfavorevoli: piogge eccessive, grandinate violente, ondate di calore prolungate, sono tutti elementi che mettono a dura prova l’uomo e la vigna. Non bisognerebbe mai dimenticarsene quando si valuta un vino senza conoscere bene il percorso che ha fatto prima di arrivare in bottiglia. Qui a Manzoni, dove l’acidità è uno degli elementi più saldi e rassicuranti, la 2007 dimostra di non avere nulla da temere, il Barolo Chirlet gode di ottima salute, anzi, è impreziosito da una vena olfattiva intensa e variegata dove il frutto appare solo leggermente più maturo (c’è anche un anno in più di evoluzione), mentre la trama speziata è ampia e coinvolgente. Non c’è il guizzo del 2008, questo no, ma l’impostazione e la personalità sono già ben definite, non dimentichiamoci che parliamo di un’azienda giovane, qui alla sua quarta annata di Barolo. Preziose note di menta e tabacco chiudono un finale sempre elegante e raffinato, tratti che ritroviamo anche al gusto, nel tannino forte ma setoso, nel frutto maturo ma ben sorretto dall’acidità, nei toni di liquirizia suggestivi che sostengono una lunga e calda persistenza.

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani