Barolo Cannubi Boschis 1999

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 06/2003


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: nebbiolo
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: SANDRONE – Azienda Agricola Sandrone Luciano
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: oltre i 50 euro


Non c’è dubbio sullo stile di Luciano Sandrone, che nel Cannubi Boschis trova la sua massima espressione. I suoi vini sono tendenzialmente morbidi e fruttati, tecnicamente quasi perfetti (quest’anno il Nebbiolo Valmaggiore ’01 mi ha convinto meno), ricchi di personalità, moderni ma rigorosamente legati al territorio e alle qualità intrinseche dei vitigni. Il Barolo Cannubi Boschis mostra un bel colore granato scuro e profondo, con qualche ricordo rubino (che presto scomparirà). Al naso è intenso, con un frutto rigoglioso che si espande veloce (amarena, ciliegia, lampone), avvolto in un delicato velo fumé; il bouquet si arricchisce di note speziate, fra cui affiora il ginepro. Nell’assaggiarlo si percepisce la rotondità, la finezza del tessuto tannico, la buona struttura, l’equilibrio già notevole. La persistenza è lunga e nitida, con accenni di liquirizia dolce. Mi viene naturale fare un’osservazione: da una vigna di valore assoluto, come il Cannubi di Barolo, mi aspetterei però un po’ più di complessità, quel tocco magico che dovrebbe rendere questo vino inimitabile. Per carità, si tratta di un grande vino, ma forse, anche in virtù dell’annata, mi aspettavo qualcosa di più.

RECENTI

  • Lacryma Christi del Vesuvio Rosso Territorio de’ Matroni 2015

    Lacryma Christi del Vesuvio Rosso Territorio de’ Matroni 2015

  • Lacryma Christi del Vesuvio Bianco Territorio de’ Matroni 2015

    Lacryma Christi del Vesuvio Bianco Territorio de’ Matroni 2015

  • CANTINE MATRONE

    CANTINE MATRONE

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani