Barolo 1999

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 01/2006


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: nebbiolo
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: BORGOGNO – Giacomo Borgogno & Figli
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 25 a 50 euro


E si, ammetto che non mi viene naturale definire “base” il Barolo 1999 di questa storica azienda di proprietà dei fratelli Franco e Cesare Boschis, nipoti di Maria Chiavassa Borgogno. La Borgogno ha una tradizione vinicola fra le più antiche di tutta la Langa; fondata nel 1761 ha oggi all’attivo una produzione di 150.000 bottiglie ottenute in buona parte dai vigneti di proprietà nell’area di Barolo, coltivati a nebbiolo, barbera e dolcetto…si, nient’altro che uve autoctone, a dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, che la filosofia aziendale è sempre stata chiara e determinata, lontana da qualsiasi tentazione modernista, ben salda nelle proprie tradizioni. Tornando al Barolo 1999, è indubbio che la grande annata gli ha donato caratteristiche superiori, di qui la difficoltà di definirlo “base”; il colore è un bel granato vivo e luminoso, dai toni caldi. Accostandolo al naso (è rimasto nel calice per più di un’ora), rimango affascinato dall’intensità e dalla bellezza dei profumi, che spaziano dalla rosa alla viola appassite, dalla ciliegia alla prugna sotto spirito, al goudron e al fogliame secco; le note eteree sono di rara eleganza e complessità. In bocca affiora l’alcool, ma ben presto si fonde con il frutto, mentre il tannino maturo si distende sulle gengive quasi accarezzandole, poi arriva una piacevole vena sapida che accompagna il lungo finale, di prugna, liquirizia e goudron. Davvero ben fatto questo Barolo, maturato 24 mesi in botti di rovere di Slavonia, perfettamente in grado di evolvere ancora per molti anni. Servitelo tra i 18 e i 20° C con una lepre in civet o pernici in salmì, fra qualche anno anche con il fagiano o il tacchino ripieno.

RECENTI

  • Pachàr 2016

    Pachàr 2016

  • FATTORIA LAVACCHIO – Agricola Lavacchio

    FATTORIA LAVACCHIO – Agricola Lavacchio

  • Lacryma Christi del Vesuvio Rosso Territorio de’ Matroni 2015

    Lacryma Christi del Vesuvio Rosso Territorio de’ Matroni 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani