Aurora 2002

auroraDegustatore: laVINIum Valutazione: @@@
Data degustazione: 09/2003


Tipologia: IGT rosato
Vitigni: negroamaro 75%, malvasia nera 15%, ottavianello 10%
Titolo alcolometrico: 12,5 %
Produttore: BOTRUGNO – Azienda Vitivinicola Botrugno Sergio
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: N/A


Esame visivo: Cristallino, di un bellissimo rosa corallo, abbastanza consistente. Esame olfattivo: Abbastanza intenso, esprime su una base floreale di rosa, un bel fruttato di ciliegia fresca, con lievi richiami al corbezzolo ed una leggerissima speziatura dolce. Qualità finissima. Esame gustativo: Secco, abbastanza caldo, corredato da buona freschezza e da lievissima sensazione astringente e piacevole; sempre in evidenza la sapidità ma, grazie ad un giusto apporto di morbidezza il vino trova un perfetto equilibrio. Il finale è pulito con un lieve ritorno di ciliegia candita e di mandorla verde. Stato evolutivo: Pronto. Giudizio finale: E’ fresco come un fiore coperto di rugiada, caldo come il primo raggio di sole che da levante lo riscalda, sapido come acqua di mare, rosa come il corallo, fior del mare. Un’ottima espressione di vino rosato da una terra che ne offre tra i migliori al mondo. Abbinamenti: Da servirsi fresco a 10°C, in calici di media ampiezza, abbinato a primi piatti di mare, ai tubettini al brodo di pesce, a zuppe in genere ed a carni bianche o secondi freddi estivi.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani