Alto Adige Riesling 2002

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 01/2004


Tipologia: DOC Bianco
Vitigni: riesling
Titolo alcolometrico: 12 %
Produttore: KETTMEIR – Casa Vinicola
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 7,50 a 10 euro


Da ormai 85 anni l’azienda Kettmeir, situata sulle colline che circondano il lago di Caldaro, si dedica alla viticoltura seguendo i dettami della tradizione locale, ma con l’esperienza e la tecnologia di oggi. I risultati si vedono da tempo. Questo Riesling 2002 rappresenta una bella espressione di questo splendido territorio, con il suo colore giallo paglierino che sfuma in accenti verdolini. Al naso è intenso e profumato, grazie anche alla parziale criomacerazione, con note che variano da nuances floreali di ginestra a toni fruttati di albicocca, mirtillo e mela trentina, a delicate sfumature di erbe di campo, per finire su tonalità agrumate e di susina bianca. Al gusto è piacevole, delicatamente sapido, di giusta struttura, più fine ed elegante, che alcolico e grasso. La buona vena di freschezza stimola le papille gustative, dando una sensazione generale di grande equilibrio. La persistenza è più che decorosa, molto corrispondente. Servitelo attorno ai 10° in calici abbastanza capienti ma slanciati, con frittatine di bianchetti, carpaccio di branzino, salmone affumicato, sushi di pesce spada, speck, fumada trentina, tagliolini con zucchine, trofie al pesto, tiella di verdure, trota bollita, mormora al cartoccio con erbe fini, branzino al forno all’aneto.

RECENTI

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

  • Prosecco Brut

    Prosecco Brut

  • VIGNA BELVEDERE

    VIGNA BELVEDERE

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani