Aglianico del Vulture Il Sigillo 2004

sigillo04Degustatore: Alessandro Franceschini
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 06/2009


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: aglianico 100%
Titolo alcolometrico: 14,5% %
Produttore: CANTINE DEL NOTAIO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 25 a 50 euro


Un vero e proprio cru aziendale, con uve che provengono da una singola vigna, quella storica di Maschito della contrada Cerentino. Ma le particolarità non sono finite: alla ricerca di una passata concezione di approccio a quest’uva, quest’ultime vengono raccolte praticamente in surmaturazione verso la fine di novembre e poi sottoposte ad una macerazione lunga di circa 25 giorni. Dopo due anni di maturazione in barriques (per 12 mesi in legni nuovi e per altrettanti di terzo passaggio), il vino sosta poi in bottiglia per altri 4 mesi prima di essere commercializzato. Che dire: tradizione e modernità insieme, una concentrazione che non deborda mai verso note stucchevoli, grevi e pesanti nonostante l’avvertibile dolcezza e maturità presente sia al naso che in bocca. Impenetrabile il rubino, fitto e denso, con venature violacee. Naso di grande impatto, voluminoso e ben calibrato con un equilibrio che non intende nascondere l’importante apporto del legno piccolo, ma integrarlo al meglio: ribes neri, mirtilli, more, amarene, mature ed in confettura, dolci quanto altrettanti incisive. Tocchi vegetali, di foglie e rovi, ma anche di erbe come il timo e una nota di cioccolato bianco e liquirizia che emerge con potenza ad ossigenazione completa. Dolce il profilo gustativo, con tannino ben addomesticato, morbido, smussato e levigato se vogliamo, ma con una sua trama di buona incisività, fattura e grana. Un ritorno di liquirizia e cioccolato ed un finale di bella lunghezza che rimanda in continuazione alle confetture di piccoli frutti di bosco. Si conferma la già bella prestazione del 2003, ma con un tocco di freschezza gustativa in più che rende questa bottiglia non tanto e solo un vino da meditazione, quanto anche un valido compagno a tavola con, ovviamente, piatti di carne o formaggio di una certa personalità.

RECENTI

  • Barbera d’Asti Poderi dei Bricchi Astigiani 2016

    Barbera d’Asti Poderi dei Bricchi Astigiani 2016

  • Barolo Bussia Dardi Le Rose 2012

    Barolo Bussia Dardi Le Rose 2012

  • VignaAlta 2015

    VignaAlta 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani